Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

Nel crogiolo....

Nel crogiolo....

di tutto un po', secondo la mia modesta opinione, naturalmente


C'era una volta l'incantevole Mugello, poi venne la TAV ...

Pubblicato da mcc43 su 2 Aprile 2013, 17:50pm

Tags: #TAV, #NO TAV, #Bologna, #Firenze, #Mugello, #Italia

e prosciugò torrenti, distrusse boschi, devastò il paesaggio, regalò cloache a cielo aperto e crisi idrica....

fonte: http://www.informarexresistere.fr/2013/03/29/speciale-no-tav-quando-un-treno-prosciuga-le-montagne/#axzz2PKFMVICc

Speciale No Tav – Quando un treno prosciuga le montagne

Il movimento No Tav è una filosofia, è una visione del mondo che va ben al di là dell’opposizione ad un cantiere ferroviario. La prima tessera che compone questo mosaico è un concetto di servizi pubblici in grado di soddisfare bisogni reali: la gente il più delle volte usa il treno per andare a lavorare e solo di rado per viaggi lunghi, e le scuole e gli ospedali ben funzionanti sono più utili e più apprezzati dei treni superveloci..

La seconda è il concetto di “territorio” – di ogni territorio – non come terra di preda e di conquista per chi ha forza e capitali sufficienti a saccheggiare, bensì come spazio segnato dalle relazioni e dalle attività umane che dipendono dalle risorse naturali.

Il caso del Mugello è diventato famoso: scavando le gallerie del Tav Firenze-Bologna la falda idrica si è abbassata di 200 metri. I cantieri sono costati 70 milioni di euro al chilometro, si sono asciugati fiumi, sorgenti e pozzi. E in cambio? Il viaggio fra le due città è diventato più breve di 22 minuti.

Una cosa del genere accadrà anche in Val di Susa? In ogni caso, lì c’è anche il problema dell’uranio e dell’amianto. Il sottosuolo ne è farcito; finchè rimangono sottoterra non danno fastidio a nessuno, ma nessuno sa dire cosa succederà quando (e se) si bucherà la montagna e quando bisognerà gestire la terra di scavo proveniente da un tunnel lungo quasi 60 chilometri.

Sono problemi magari gravi ma solo locali, sono beghe di cortile? Può anche darsi. Sta di fatto che il nostro pianeta così popolato, così sfruttato, così segnato dall’azione umana è ormai diventato un insieme di cortili comunicanti.

 

****

fonte http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/04/09/appennino-disastro-anni-dopo-scomparsi-torrenti-stravolto-lecosistema/203249/

 

[...]

Poco importa, al teatrino della politica, se dei corsi d’acqua sono stati dichiarati biologicamente morti, a causa della perdita totale del deflusso estivo, dovuta all’azione drenante delle gallerie. Al Tav i lustrini dell’inaugurazione non potevano mancare: fu così che il 5 dicembre 2009, per celebrare la fine dei lavori e il passaggio del primo treno Frecciarossa, il sindaco di Bologna Flavio Delbono, non ancora disarcionato dal Cinzia-gate e il collega fiorentino Matteo Renzi si abbracciarono sul primo binario della stazione di Bologna. Intesero simboleggiare l’unione delle loro città divise dall’Appennino e inaugurarono così la linea ad alta velocità da Salerno a Milano.

La maxi-opera, se si aggiunge anche la tratta Torino-Milano, è costata la cifra faraonica di 32 miliardi di euro. Circa 5,5 miliardi si sono spesi per i soli 78,5 km della Firenze-Bologna, vale a dire 70 milioni di euro al chilometro. Cifra ragguardevole per guadagnare solo 22 minuti, rispetto alla precedente linea.

Tra i torrenti prosciugati del Mugello vi è l’Erci (o Cannaticce), che scorreva nell’omonima località del Comune di Borgo San Lorenzo. In questa stagione, prima dei lavori del Tav, era un rio di montagna rigoglioso, habitat di trote e gamberi di fiume. Oggi è una pietraia desolante. Dai tavolini da picnic, costruiti per i visitatori che non ci sono più, si osserva l’alveo completamente secco. È solo un tratto dei 57 km d’acqua persi a causa dei lavori di scavo.

L’intera comunità mugellana ha sopportato i disagi della costruzione del Tav per 13 lunghi anni, dall’apertura del primo cantiere nel 1996. Tutto ciò senza nessun vantaggio, visto che da queste montagne, per prendere il treno AV, è necessario raggiungere Bologna o Firenze. Nessuna fermata “Mugello” è stata costruita, come si sostenne in un primo tempo e ai Comuni sono rimasti solo i danari delle onerose contropartite, stanziati a titolo di indennizzo.

 

 

C'era una volta l'incantevole Mugello, poi venne la TAV ...
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post

mla paraphrasing 04/10/2014 17:20

Crise de l'eau - il s'agit d'un phénomène très étrange! Les gens meurent et disparaissent, tout simplement!

voice over actor 04/01/2014 15:53

This is a very great sorrow for all of us ... But what dries the water ... It's scary

visit us 03/31/2014 14:36

That just showed us the ugly truth of human’s act upon the environment in the name of development. And they are acting themselves fool about the aftereffects of these cruelty done to the mother nature. Its so sad and sickening to watch the dying nature.

cv services 03/25/2014 06:13

Les catastrophes naturelles peuvent avoir un impact change la vie sur les individus et les familles qui ont la chance de leur survivre. Mais l'effet de catastrophes naturelles peut être ressenti au niveau communautaire, la ville et l'État, ou de nombreuses fois peut avoir un impact tout un pays.

mcc43 03/25/2014 23:21

Un exemple: en Italie un glissement de terrain à Alassio a fermé à jamais la Via Julia de César Auguste, qui allait de Piacenza à Arles à travers les collines de la Ligurie Le glissement a également fait une maison inhabitable. Une perte pour tout le monde et pour une famille.

Francesco Giannatiempo 04/03/2013 11:07

Ogni volta che vedo l'ambiente stuprato mi sento male, molto male. Ogni volta che sento di progetti faraonici per "agevolare" gli scambi di persone e merci penso in primis a quanta natura verrà denaturata; a quanta natura verrà snaturata; a quanta natura verrà svenduta in cambio di...ecco, è il concetto del commercio in sè che mi uccide più di tutti: in cambio di cosa??? non esiste nessun cambio possibile, quando solo sfioriamo la terra, la Madre Terra. 22 minuti in meno, miliardi volatilizzati per abbreviare il percorso di qualche bipede? Purtroppo non è per questo, come ben sai e scrivi: è la svendita oggettiva del suolo italico - come del resto continentale europeo - per assolvere alla progettualità Ue-ropea avallata da chi si sente domine e pretende di dominare ciò che per Natura è indomabile e prima o poi presenta il conto. Non per essere catastrofisti, ma se questa TAV se la portasse via un evento naturale, non sarei così scontento...magari in un momento in cui non passano treni e si possano salvare quei bipedi ignari e ignoranti che stanno cercando di guadagnare 22 minuti della propria vita finanziando dal loro piccolo un'opera di un'imbecillità assurda. Un caro saluto e grazie per aver scritto in Sua difesa!

Archivi blog

Social networks

Post recenti